Non Nobis Domine In Evidenza

138.jpg
I Templari sono rinati, ma divisi in due schieramenti: uno impegnato a sostenere l’Uomo, l’altro a conquistare il potere finanziario.
Alla prima fazione appartiene il Custode del Codice e vive a Roma, dove conserva la prima edizione delle Centurie, quella più vicina al testo originale e che determina la supremazia di uno schieramento sull’altro.
Una sera la sua casa viene svaligiata, il libro trafugato e l’uomo gravemente ferito. In ospedale è curato dal dottor Stefano Riccardi che riconosce il sigillo del Tempio nel tatuaggio che l’uomo ha alla base della colonna vertebrale. Caduto nelle mani di un ricettatore che non ne ha compreso il valore, il Codice finisce nel giro dei venditori ambulanti di libri e viene rubato dal Monaco, un domenicano scacciato dalla Chiesa per essere diventato schiavo della chiaroveggenza e della cartomanzia. Dominato da un’assurda ossessione per le Centurie, se ne impossessa, diventando a sua volta la preda degli emissari delle due facce del Tempio, determinati a riprendersi il Codice.
Sotterfugi, morti silenziose, inganni, minacce, promesse, tradimenti e lotta per la supremazia fluiscono senza strepiti tra la gente di Roma, mentre le vie e le piazze assistono impassibili. A dominare la scena, il Monaco, reietto del Vaticano, che come un vecchio ratto fa della prudenza e della sua paura le armi che lo rendono un fantasma per i suoi inseguitori.
Vota
0 vota
Favoriti:
0

Dettagli della scheda libro

Isbn
9788863212129
Autore

Sergio Luigi Bortot

Anno di Pubblicazione
2018
Numero di edizioni
1
Numero Pagine
334
Formato
14x21
Bio autore
Sergio L. Bortot nasce a Belluno nel 1956. Giornalista e fotografo, ha fornito gran parte del materiale fotografico a corredo del libro di itinerari equestri “Italia a cavallo”, edito da Gremese. Esperto di equitazione e turismo equestre, ha collaborato per alcuni anni alla trasmissione RAI “Verde Mattina”. È anche autore di narrativa per bambini e vincitore del premio nazionale Montessori promosso dalla casa editrice “Raffaello”. Appassionato studioso del Medioevo e degli Ordini Cavallereschi, è alla continua ricerca di vicende e particolari nascosti o dimenticati. Da uno di questi, la teoria dell’esoterista Pierre Vincenti (Corsica, 1874- 1942), secondo cui le Centurie di Nostradamus fossero in realtà un codice per la rinascita templare trafugato dal mago veggente, prende vita il romanzo “Non Nobis Domine”.
Link

logo-amazon

Prezzo
20
Ebook

Non disponibile

Altro

-

Cerca un libro