Agenda dell’Haiku Quotidiano In Evidenza

133.png
“L’agenda dell’haiku quotidiano” è un’opera unica nel suo genere in quanto ha impegnato quotidianamente per un anno l’autore, Claudio Monachesi, poeta dal 1970, nella composizione di 365 e più haiku, per altro testati dalla lettura quotidiana fatta a tutti gli amici e conoscenti che incontrandolo avessero voluto ascoltarlo. Seppure la stesura di queste brevissime composizioni che ha avuto origine dal Giappone si è estesa in molte parti del mondo adattandosi ai diversi linguaggi ha comunque mantenuto la sua rigorosità metrica:
una strofa di tre versi: un quinario (5 sillabe) un settenario (7 sillabe) e un quinario (5 sillabe) per un totale di diciassette sillabe.
Il grande Poeta Basho (1644-1694), che significa Banano, ne è il geniale “inventore” partendo da una forma poetica usata tradizionalmente risalente all’VIII secolo, il tanka, composto da quello che oggi chiamiamo haiku con l’aggiunta di un distico di due settenari (5/7/5+7/7). Il poeta italiano, autore dell’agenda, per rispetto della forma originaria ha composto e incluso due tanka nei giorni 12 e 13 dicembre. La lettura di ogni singolo haiku va fatta due volte perché la prima arriva alla mente e la seconda al cuore. Vogliamo ricordare tra i grandi maestri di poesia giapponese oltre al già citato Basho, anche Issa (1763-1828) e Shiki (1867-1902); per quanto riguarda i poeti in lingua inglese ricordiamo come autori di haiku per esempio D. Thomas e J. Kerouac e in lingua spagnola J.L. Borges e O. Paz , così in lingua italiana, tra i tanti, G.D’Annunzio, E. Sanguineti , A. Zanzotto e M. Lunetta.
Vota
0 vota
Favoriti:
0

Dettagli della scheda libro

Isbn
9788863212082
Autore

Claudio Monachesi

Anno di Pubblicazione
2017
Numero di edizioni
1
Numero Pagine
382
Formato
9x14
Bio autore
Per la poesia ha pubblicato, tra gli altri, I respiri (1978), Pareo1(1980), Cinquanta e più personaggi in versi (1987), Portieri! Viaggio in versi tra i numero uno del calcio (2000), Incontrando Alice (poesie per bambini) (2003), Rinvenire (2008), A.T.Riciclarium (2011), Poesia per la radiologia (2012); il Poema dei Mondi, in parte pubblicato nel 2011, è l’opera cardine a cui sta lavorando dal 1984. Per la saggistica: Introduzione al Giubilieo del 2000 (1998) Roma segreta e pagana (2004) Escursioni Teosofiche a Roma ,con testo in inglese a fronte, (2010) Esculapio, sulle orme dell’antico Dio della Medicina (2010) Sulla poetica (2010), Introduzione al Giubileo del 2015. E’ stato invitato a tenere lezioni sulla poesia alla Sapienza Università di Roma, all’Università Cattolica del Sacro Cuore e in diversi istituti scolastici della Capitale. Tra la moltitudine di performance poetiche a tema si vogliono ricordare quelle fatte a Roma nella ferramenta di via Pisa, nel salone di acconciatura di via Borghesi, nell’officina meccanica di via Collatina, nell’agenzia immobiliare di via Pagliari, nella pizzeria in via A. Da Giussano, al Cine Alphaville in via del Pigneto per una Lectio poetica. Hanno scritto di lui, tra gli altri, Eugenio Montale, Mario Lunetta, Fabrizio Mariani , Vito Riviello, Cinzia Tralicci, Vincenzo Tombolini.
Link

-

Dove acquistare

logo-amazon

Ebook

Non disponibile

Altro

-

Cerca un libro